SERIE D – CAMALEONTE JBC, LA ZONA SPARIGLIA GLI AVVERSARI

Arbitri: Marconetti C. (MI) – Grancini S. (MI)

Parziali: 18-19, 32-36, 57-51

Junior Basket Curtatone: Rutilli, Asan 20, Boccia 3, Moreno 32, Visentini, Barrotta 5, Maiorino 2, Gorni 2, Tosi 6, Prunesti (K) 3, Diaconu, Mazzoni.

Allentore: Trazzi Stefano.

ASD CXO Basket: Genco 11, Battaglia 11, Farella 6, Giuri 8, Bontempi 6, Picuno 3, Pedretti 12, Poli 11, Gaibotti, Tignonsini.

Allenatore Pogliani.

Curtatone – Coach Trazzi l’aveva presentata come una gara difficile contro una squadra in ottima forma, e alla realtà dei fatti quelle previsioni erano azzeccate; ci è voluta infatti una prestazione di grande orgoglio e tenacia da parte dei ragazzi del JBC per strappare i due punti agli avversari, e tutto ciò dà molto valore a questa vittoria. La partita si è presentata sin da subito complicata, già dal fischio di avvio i bresciani hanno preso in mano le redini del gioco, imponendo la loro fisicità, dominando a rimbalzo, e impedendo ad un timido JBC di fare la cosa che gli riesce meglio: correre in contropiede e chiudere a canestro in transizione. L’assenza di pericolosità nel gioco interno, unita all’insistenza di conclusioni dal perimetro con percentuali scadenti, fa sprofondare i locali a distacchi anche in doppia cifra, distacco che viene contenuto a – 4 all’intervallo lungo solo grazie ad iniziative personali di Maxi Moreno. Con questa situazione l’inerzia della partita è palesemente nelle mani del CXO, e bisogna pensare a qualcosa di diverso che scuota dal torpore la squadra e nel contempo tenti di minare le sicurezza degli avversari. La scelta dello staff è quella di scendere in campo con un’inedita difesa a zona che già dai primi minuti risulta estremamente efficace e produttiva, mettendo in difficoltà i meccanismi offensivi dei bresciani e aprendo il campo a veloci rovesciamenti di fronte. La nuova solidità difensiva, incentrata sul sacrificio e sul grande lavoro del duo Mazzoni–Tosi, taglia i secondi tiri agli avversari e scatena Maxi Asan vero mattatore del terzo quarto che si chiude 57 a 51 con un parziale di 15 punti recuperati. Nell’ultimo quarto la partita si fa intensa e a tratti nervosa, il CXO tenta il tutto per tutto e complice anche qualche conclusione rocambolesca riesce nell’aggancio a 5 minuti dalla fine; il JBC però non si demoralizza e grazie al contropiede riesce a rimettere la testa in avanti, forte anche del fatto che gli avversari perdono per espulsione il play Pedretti, vero metronomo e punto di riferimento della sua squadra. Il JBC riesce così a scavare un solco di 4-6 punti che gestisce nel finale chiudendo l’incontro 73 a 68.

Gara dura, difficile e estremamente dispendiosa, terminata con la vittoria per la tenacia e il sacrificio dimostrato in campo e per il contributo tattico e motivazionale della panchina. Probabilmente d’ora in avanti sarà sempre così, gli avversari ci stanno conoscendo, ci studiano e preparano le giuste contromisure; dobbiamo abituarci ad essere dei camaleonti, pronti a cambiare colore, comportamento e modo di stare in campo a seconda delle situazioni; sempre motivati, imprevedibili e con un pizzico di sana giovane follia.

Classifica Serie D – Girone C

Go JBC!

Junior Basket Curtatone – Alberto